laboratori nazionali

Milano-Piazza-Duomo

Milano: Fragilità e cura, lavoro e società

Presentazione e programma

Dopo Perugia (per il Centro Italia) e Napoli (per il Sud), sarà Milano a ospitare la tappa “settentrionale” di avvicinamento al 5° Convegno Ecclesiale Nazionale. Il terzo Laboratorio nazionale verso Firenze 2015 si svolgerà il 1° ottobre 2015 nell’aula Pio XI dell’Università Cattolica del Sacro Cuore (Largo Agostino Gemelli 1). L’appuntamento metterà a fuoco due ambiti tematici: al mattino la fragilità e la cura, al pomeriggio il lavoro nei nodi della società attuale. Obiettivo di entrambi i momenti è quello di riflettere e aiutare a formulare significative prospettive volte all’elaborazione di un nuovo umanesimo cristiano.

Nuovo umanesimo: fragilità e cura

La mattinata è dedicata al tema Nuovo umanesimo: fragilità e cura e prevede i saluti del Magnifico Rettore dell’Università Cattolica Franco Anelli e dell’Assistente ecclesiastico generale S.E. Mons. Claudio Giuliodori. L’introduzione è affidata a S.E. Mons. Gianni Ambrosio, vescovo di Piacenza e Vice Presidente del Comitato preparatorio del 5° Convegno Ecclesiale Nazionale. Seguirà una tavola rotonda moderata dal Francesco Botturi, prorettore e ordinario di Antropologia filosofica e di Filosofia morale all’Università Cattolica del Sacro Cuore, a cui prenderanno parte Gianpaolo Azzoni, ordinario di Filosofia del diritto (Università di Pavia), Donatella Cavanna, ordinario di Psicologia dinamica (Università di Genova), Adriano Pessina, ordinario di Filosofia morale (Università Cattolica del Sacro Cuore).

Nuovo umanesimo: lavoro e società

Il pomeriggio è dedicato al tema Nuovo umanesimo: lavoro e società. Introdurrà il lavori  S.E. Mons. Paolo Martinelli, vescovo ausiliare di Milano. Seguiranno alcuni “racconti” introduttivi con Gabriele PaolocaArianna Scommegna e Mattia Fabris, e due testimonianze provenienti dalle diocesi di Padova e Cuneo. Il laboratorio proseguirà con il “dialogo” fra Chiara Giaccardi (Università Cattolica del Sacro Cuore, membro della Giunta del Comitato preparatorio del Convegno di Firenze), assieme a don Walter Magnoni dell’Arcidiocesi di Milano, e il filosofo dell’Università Cattolica Silvano Petrosino. A seguire alcune brevi testimonianze di giovani che provano a vivere con entusiasmo e speranza il lavoro e la presentazione degli Atti della 47ª Settimana Sociale dei Cattolici Italiani, a cura di S. E. Mons. Arrigo Miglio, arcivescovo di Cagliari e Presidente del Comitato Scientifico e organizzatore delle Settimane Sociali dei Cattolici Italiani.

Conclude i lavori Mons. Fabiano Longoni, direttore dell’Ufficio Nazionale per i problemi sociali e del lavoro della Conferenza Episcopale Italiana.

» ProgrammaLocandina 3 Laboratorio - Milano


#Firenze2015Lab
Come già avvenuto per i Laboratori di Perugia e Napoli, anche per l’appuntamento di Milano sono state pensate alcune proposte di partecipazione e interazione a distanza tramite i media digitali, per chi – pur interessato ai temi dibattuti – non potesse essere presente di persona. Sarà possibile seguire l’evento in diretta streaming collegandosi alla home page del sito web www.firenze2015.it. Gli utenti di Twitter potranno seguire l’evento e rilanciare i tweet con l’hashtag #Firenze2015Lab.


Vai allo speciale sul Laboratorio di Milano »

1 Commento a “Milano: Fragilità e cura, lavoro e società”

  1. luciana saccone
    il

    mercato del lavoro e welfare
    CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI LAVORO CON LE ESIGENZE GENITORIALI
    Si potrebbe eventualmente trattare un tema molto attuale e che riguarda i tempi di cura e di lavoro. Per ridurre l’elevato divario con i tassi di attività femminili prevalenti in Europa sarà necessario aumentare l’offerta e la fruibilità dei servizi di conciliazione dei tempi di lavoro con l’esercizio delle responsabilità genitoriali e dell’assistenza alle persone non autosufficienti.

    Contemperare i tempi di vita con i tempi di lavoro dei genitori. In parti-colare, l’obiettivo che si vuole raggiungere è quello di evitare che le donne debbano essere costrette a scegliere fra avere dei figli oppure lavorare

Lascia un commento

  • (non sarà pubblicato)

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture.
Anti-spam image