rassegna stampa

Il cardinale Bagnasco

Ecco la Casa della carità, «dono» per la Toscana

di Matteo Liut

Tra i numerosi «doni» che il quinto Convegno ecclesiale nazionale lascerà alla città che l’ha ospitato ci sarà anche la Casa della carità, un luogo fatto soprattutto con i mattoni della solidarietà. Questa “opera-segno” si trova nella periferia di Novoli – popoloso quartiere popoloso del capoluogo toscano e quello con la più alta incidenza di anziani – e andrà a coprire una carenza di servizi nella zona. Il progetto di housing sociale, presentato ufficialmente ieri mattina ai delegati del Convegno prima dell’avvio dei lavori conclusivi, è stato reso possibile grazie all’impegno anche economico dell’arcidiocesi di Firenze, della Conferenza episcopale italiana e dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze.

A gestire il centro e i suoi servizi sarà la Caritas. Il condominio darà spazio a un Centro diurno per anziani autosufficienti con la mensa; diciotto mini appartamenti destinati a singoli o a coppie di anziani autosufficienti, in accordo con i servizi sociali; un Centro di accoglienza per emergenze abitative e migratorie per circa 50 persone; un luogo di aggregazione per bambini o ragazzi che potrà essere un asilo o un doposcuola. I lavori sono già stati avviati e nei prossimi mesi alcune parti saranno già pronte, mentre la conclusione dell’intervento è prevista per la fine del 2016. Online è disponibile il video della presentazione della nuova struttura:

da Avvenire, 14 novembre 2015

Lascia un commento

  • (non sarà pubblicato)

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture.
Anti-spam image