esperienze

Catanzaro - Squillace, Movimento Apostolico

Progetto UniVersus

Centro Studi Verbum e Movimento Apostolico

Il progetto UniVersus è un programma di conferenze e dialoghi interdisciplinari. Attraverso incontri a due voci, che coinvolgono un teologo e un esperto di un determinato settore del sapere umano, propone l’incontro tra la fede cristiana e i saperi in merito alle domande di senso che più direttamente influiscono sulla coscienza dell’identità umana.

L’obiettivo è offrire quel volto della fede  che si apre alle sfide della modernità e della laicità, che invita al dialogo e accetta con fiducia il confronto, e con rispetto propone Cristo come fondamento di senso e di pienezza dell’umano.

Storia

Inizio. Il Progetto UniVersus nasce nel 2010, come evoluzione di una precedente iniziativa dal titolo “Il Verbum e la Civitas” (5 edizioni, a partire dal 2005) che promuoveva incontri tematici tenuti dai teologi del Centro Studi Verbum all’interno delle principali sedi istituzionali e amministrative della città di Catanzaro, quali la Prefettura, la Provincia, il Comune, la Camera di commercio, la Motorizzazione civile, il Tribunale Civile, con l’intento di animare la testimonianza cristiana proprio lì dove i cristiani lavorano e contribuiscono alle decisioni importanti per la vita della Civitas e per il bene comune.

Promotori

Il Progetto Universus è promosso dal Centro Studi Verbum e dal Movimento Apostolico.

Durata

Viene riproposto a cadenza biennale.

Campo d’intervento

Il Progetto è un percorso di alta formazione a cadenza periodica, che mira a far emergere le molteplici possibilità di collaborazione e interazione tra l’annuncio di Cristo e il pensiero moderno. Il primo ciclo (2010-2011) è stato incentrato sul concetto di persona nel confronto tra culture, scienze e filosofie; il secondo ciclo (2012-2013) è stato dedicato alla nozione di verità nell’orizzonte dei saperi.

In tal senso, il progetto propone di riaprire serenamente la direzione di un rinnovato riconoscimento del diritto di cittadinanza del pensiero teologico all’interno del forum culturale e accademico italiano. Proponendo il confronto con Cristo come pienezza dell’umano, il progetto invita la cultura e le scienze contemporanee a ritrovare la dimensione di senso del loro sapere: l’obiettivo comune è tendere a un nuovo umanesimo che sappia integrare le risorse della modernità senza dualismi e, al contempo, a una scienza che si senta compiuta e non sminuita quando subordina se stessa alla verità dell’uomo e alla sua dignità.

Il progetto anima, senza confondere, il piano della fede e quello della scienza o della filosofia, in vista di offrire gli strumenti più aggiornati per  formare cristiani maturi capaci di presentarsi al mondo come autentici testimoni della bellezza del Vangelo. UniVersus intende così aiutare l’uditorio contemporaneo a orientarsi in un modo più cosciente, e magari più fiducioso, tra le numerose suggestioni filosofiche, religiose e culturali che sembrano proporre un allontanamento irreversibile della fede rispetto alla verità scientifica o filosofica sull’uomo, e a volte arrivano perfino a sancire la loro costitutiva incomunicabilità o la loro definitiva antitesi.

Il progetto UniVersus incrocia così un obiettivo prioritario del Convegno di Firenze, volto a proporre “la persona di Gesù Cristo e l’esperienza cristiana quali fattori decisivi di un nuovo umanesimo”, interagendo con “le diverse visioni del mondo” e “valorizzando tutti gli elementi positivi che la modernità può offrire in abbondanza” .

Soggetti coinvolti

Il Centro Studi Verbum e il Movimento Apostolico  programmano il progetto d’intesa con l’Arcidiocesi di Catanzaro-Squillace e il suo Progetto Culturale. Si avvalgono della collaborazione della Provincia di Catanzaro e dell’Università Magna Græcia, che riconosce crediti formativi ai propri studenti.

Dal punto di vista del metodo, UniVersus è animato da un nutrito numero di universitari, professionisti e semplici cristiani, che formano la segreteria e tengono contatti con gli organi di stampa, locale e nazionale, e le istituzioni coinvolte e i soggetti partecipanti.

Soggetti destinatari, finalità dell’iniziativa, strumenti

UniVersus è un percorso di alta formazione, diretto a  credenti e non credenti.

Tra i primi destinatari sono individuati gli studenti universitari, chiamati a maturare nel loro percorso formativo una visione integrale dell’uomo, capace di superare frammentazioni e riduzionismi, e di riconoscere beni e valori tali da recuperare la centralità della persona nel fermento sociale, politico, culturale ed economico.

UniVersus si estende a tutti gli uomini e le donne, che liberamente desiderino accogliere la proposta di Cristo come pienezza dell’umano e senso della storia.

Le conferenze interdisciplinari, i forum di discussione sui social media e la pubblicazione degli atti sono i principali strumenti attuativi del progetto. Cfr. Brancaccio F. – Concolino D. (a cura di), La persona crocevia dei saperi, Tau Editrice, Todi 2012.

Frutti sul territorio

Le edizioni di UniVersus fin qui attivate indubbiamente hanno favorito un “ponte” di collaborazione tra chiesa, istituzioni, Vangelo e società. Hanno catalizzato la partecipazione attiva di centinaia di utenti, con ampia presenza di giovani e studenti. Un risultato eccellente, che incoraggia per il suo significativo impatto a livello locale sulla maturazione umana, culturale e cristiana di questa generazione.

Occorre rimarcare che, a livello diocesano, il progetto UniVersus, mentre mantiene la sua originalità, si integra con altre iniziative ecclesiali, mirate a favorire il dialogo tra la fede e le istituzioni culturali a livelli diversi: in primo luogo, il progetto diocesano “Dialoghi con la Polis”, voluto e promosso dall’Arcivescovo S.E. Mons. Vincenzo Bertolone, che ha proposto un ciclo di incontri di alto profilo tra Chiesa e società laica, incentrati su una lettura attualizzante delle opere di misericordia e del loro valore sociale. Si aggiungono i progetti dell’Ufficio Diocesano di Pastorale Scolastica, indirizzati alle scuole primarie e agli istituti di istruzione secondaria, volti a favorire la consapevolezza della figura di Cristo e della sua misericordia a beneficio dell’umanità intera; il programma “I giovedì del Logos e dello Spirito”, con cui la FUCI ha proposto agli studenti dei dibattiti tra fede e società multiculturale all’interno dell’università; il programma formativo promosso dall’Azione Cattolica, per proporre nelle scuole la figura di Giuseppe Lazzati e il suo impegno cristiano nel mondo sociale e politico.

Eventuali difficoltà e criticità incontrate

Il progetto è offerto gratuitamente, tramite uno sforzo dei soci del Centro Studi Verbum. L’Amministrazione Provinciale di Catanzaro ha patrocinato mettendo a disposizione i locali della “Casa delle Culture”, ubicata nella propria sede. Il carattere di gratuità è un segno positivo della disinteressata proposta cristiana. Ovviamente comporta difficoltà organizzative, superate con l’impegno benevolo dei soci del CSV e dei giovani volontari del Movimento Apostolico che hanno offerto la loro collaborazione organizzativa e promozionale.

Riflessioni conclusive e prospettive

Il progetto UniVersus si è dedicato in particolare a mostrare che l’umanesimo cristiano, mentre accoglie dalla fede l’assoluta valorizzazione della persona, offre questo suo esito al confronto con i saperi, per mostrarne l’intrinseca logicità e pregnanza di senso.

Il progetto testimonia concretamente che la fede, incontrando le scienze e la cultura al crocevia segnato dalla centralità della persona, propone la verità dell’uomo e della sua dignità come fine a cui ogni sapere può tendere, per integrarsi nell’orizzonte della sapienza che, nella sua essenza, è riflesso del Logos eterno.

Lascia un commento

  • (non sarà pubblicato)

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture.
Anti-spam image