News

IMG_6411BN

«Beati, umili, disinteressati»

Papa Francesco al Convegno di Firenze

«In ogni comunità, in ogni parrocchia e istituzione, in ogni diocesi e circoscrizione, cercate di avviare, in modo sinodale, un approfondimento della Evangelii gaudium, per trarre da essa criteri pratici e per attuare le sue disposizioni». Con questa precisa indicazione martedì 10 novembre Papa Francesco ha concluso il suo intervento nella Cattedrale di Firenze.

Ai delegati e, quindi, a tutta la Chiesa italiana, ha ricordato che noi «possiamo parlare di umanesimo solamente a partire dalla centralità di Gesù». Di qui i tre tratti distintivi dell’umanesimo cristiano evidenziati dal Santo Padre: l’umiltà, il disinteresse e la beatitudine.

Dopo aver messo in guardia dalla tentazione di voler pianificare tutto in maniera astratta e da quella di una fede rinchiusa nel soggettivismo, ha raccomandato «a tutta la Chiesa italiana l’inclusione sociale dei poveri e la capacità di incontro e di dialogo per favorire l’amicizia sociale nel Paese, cercando il bene comune».

A nome di tutti il Cardinale Bagnasco ha accolto il Santo Padre esprimendogli l’affetto e la vicinanza, e la disponibilità a continuare in un cammino sinodale sempre più intenso.

» Il discorso di Papa Francesco

» Il saluto del Card. Bagnasco

4 Commenti a “«Beati, umili, disinteressati»”

  1. elena
    il

    Il Papa ci esorta a leggere e trattare in modo Sinodale l’Enciclica. Forza e coraggio a tutti gli uomini e le donne di buona volontà e soprattutto dobbiamo tenere presente di essere sempre umili, disinteressati ed agire con beatitudine.

  2. Luisa
    il

    Spiazzante,energico ma soprattutto ti porta ad un vero e proprio esame della propria coscienza! Tutto ciò continua nell’ufienza di oggi! Grazie Santo Padre!

Lascia un commento

  • (non sarà pubblicato)

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture.
Anti-spam image